3 miti di Pit Bull smascherati

3 miti di Pit Bull smascherati

Nella società odierna c’è una razza di cani che viene diffamata più di ogni altra, l’American Pit Bull Terrier (APBT). I media ritraggono questi cani come i cani più orribili, viziosi e irascibili mai esistiti. Sfortunatamente la maggior parte delle persone tende a credere a ciò che vede in televisione ea ciò che legge sul giornale. A causa dei media, questi cani sono stati evitati dalla maggior parte della società. Oggi i primi 3 miti del Pit Bull saranno smascherati davanti ai tuoi occhi.

Mito 1: i Pit Bull attaccano la maggior parte delle persone di qualsiasi razza di cane.

Sapevi che in realtà ci sono oltre 60 diverse razze di cani che le persone scambiano per essere un APBT? I media amano chiamare Pit Bull qualsiasi cane a pelo corto con una testa grande. I media sono entusiasti ogni volta che riescono a classificare un cane come un Pit Bull perché crea titoli fantastici. Ogni volta che le parole “Pit Bull Attack” appaiono nei notiziari c’è sempre una frenesia anti-Pit a livello nazionale. Questa povera razza è fraintesa ed è considerata il cane demone di questa generazione. Proprio come nelle generazioni precedenti c’erano Dobermann, Pastori tedeschi e Rottweiler. Secondo i risultati dei test di temperamento del giugno 2010 dell’American Temperament Test Society, l’APBT si è classificato migliore delle comuni razze di cani domestici come Cocker Spaniel, Pomeranian, Beagle, Collie e molti altri.

3 miti di Pit Bull smascherati

Mito 2: i Pit Bull attaccano senza essere provocati.

Tutti i cani, compreso l’APBT, mostrano segnali di pericolo prima di attaccare. Questi includono il linguaggio del corpo come tensione, sguardi, posizioni delle orecchie, posizioni della coda e posizioni della testa. La maggior parte dei cani emette anche avvertimenti vocali come abbaiare e ringhiare. Il pubblico in generale può sentire che questi particolari cani attaccano all’improvviso, ma la maggior parte delle persone non riesce a distinguere i segnali di pericolo dal comportamento normale. Qualsiasi cane che non ha avuto l’addestramento adeguato o non è stato socializzato abbastanza bene sarà naturalmente più aggressivo di un cane che lo ha fatto. Gli studi dimostrano anche che i cani che trascorrono la vita incatenati sono molto territoriali rispetto ai cani che vivono sia all’interno che all’esterno. Quindi, quando qualcuno entra nel territorio del cane, sarà più aggressivo. Questo vale per tutte le razze di cani.

3 miti di Pit Bull smascherati

Mito 3: I Pit Bull possono bloccare le loro mascelle.

Non c’è assolutamente nessuna ricerca a sostegno di questo. Se considerato da un punto di vista medico, l’APBT ha lo stesso tipo di struttura muscolare e mascellare di ogni altra razza. Non esiste alcun meccanismo che possa causare il blocco della mascella di un APBT. Gli studi del dottor Brady Barr del National Geographic hanno anche dimostrato che i pastori tedeschi e i rottweiler hanno una forza del morso molto più forte dell’APBT.

Come puoi vedere chiaramente, i media hanno dipinto un’immagine molto colorata e falsa sugli American Pit Bull Terrier. Questi cani sono in realtà animali meravigliosi. Basta chiedere a chiunque possieda uno di questi animali speciali. Si spera che dopo aver visto questi 3 miti di Pit Bull smascherati cambierai la tua prospettiva sulla razza.

Fredrick Miller è un attivista americano di Pit Bull Terrier. È stato molto scettico sulla razza per molto tempo fino a quando lui e sua moglie non ne hanno preso uno da Craigslist perché qualcuno stava regalando il povero cane gratuitamente. Questo cane si è rivelato essere l’animale domestico più ben educato e leale che abbia mai posseduto. Questo piccolo amico peloso ha fatto oscillare il suo cuore.

3 miti di Pit Bull smascherati

Leave a Reply

Your email address will not be published.