Il dalmata e la Gran Bretagna

Il dalmata e la Gran Bretagna

Nel secolo scorso, c’è stata una crescita della popolarità dei dalmati in Gran Bretagna. Secondo alcune fonti diverse, i dalmati sono stati allevati da una linea di cani da caccia inglesi, ma questa è solo una speculazione. C’è anche una considerevole speculazione basata su tratti caratteriali, abilità di caccia e tipi specifici che esiste una somiglianza tra i dalmati e la razza Talbot. Ciò ha anche portato ad affermare che i dalmati sono in realtà anche discendenti diretti della razza Talbot. Alcuni amanti dei cani del Regno Unito stanno persino chiedendo a gran voce che il dalmata sia intrinsecamente britannico a causa delle teorie di cui sopra.

È molto probabile che alcune razze Talbot possano essersi incrociate con altri canini europei alcuni secoli fa, quindi la teoria non è così incredibile come sembra. Una delle razze incrociate risultanti potrebbe essere stata infatti il ??dalmata. Il dalmata è un eccellente cane da guardia, è una razza estremamente intelligente, motivo per cui la loro popolarità nel Regno Unito è in aumento. Nonostante tutte le speculazioni, è dubbio che la razza sia esistita durante epoche antiche. Né c’è alcuna possibilità che la razza abbia incontrato tendenze evolutive.

Il dalmata e la Gran Bretagna

Il debutto ufficiale del dalmata avvenne in una competizione cinofila più di 140 anni fa nel 1860. Quell’anno fu la seconda mostra canina della Gran Bretagna e il dalmata era una delle cinque razze presenti nello spettacolo. Durante tutta la prima guerra mondiale (1914-18), il dalmata fu una specie in via di estinzione e fu quasi estirpato a causa della guerra in Gran Bretagna. A quel tempo, un gentiluomo di nome Fred Kemp era il presidente del Club Dalmata britannico oltre ad essere un proprietario di terza generazione della razza.

Con una grande quantità di diligenza e sforzi instancabili, Kemp riuscì a salvare il dalmata dall’estinzione per mano della guerra. Erano tempi difficili senza dubbio, ma Kemp riuscì a impedire loro di essere ciò che avrebbe potuto essere una vittima della guerra. Kemp continuò a mantenere i cani che aveva salvato come bestiame da riproduzione una volta che la guerra fosse finita e la loro sicurezza fosse stata assicurata. Di conseguenza, la popolazione dalmata ricominciò a fiorire. Nel 1918, c’erano solo 2 dalmati registrati al Kennel Club e questi 2 si esibirono alla prima mostra canina dopo la fine della guerra.

Nel 1925, c’erano 125 dalmati registrati e in 7 anni quel numero era aumentato di sette volte fino a un totale di 889 registrati presso il Kennel Club. Due anni dopo (1934) ci sono 199 voci dalmate nella competizione cinofila di quell’anno. Ciò ha dimostrato senza dubbio che la popolarità della razza stava aumentando.

Il dalmata e la Gran Bretagna

Di seguito è riportato un elenco di linee guida dietetiche da seguire per il tuo dalmata:

o La carne rossa, cotta o cruda, non dovrebbe mai essere data in pasto al tuo dalmata, inclusi alimenti per animali domestici e snack che lo utilizzano come ingrediente
o Evita gli alimenti per animali domestici e gli snack che elencano la carne rossa come uno dei primi tre ingredienti del prodotto
o Anche il pollame cotto o crudo deve essere evitato, così come gli alimenti per animali domestici e gli snack dove è un ingrediente chiave
o Se il pollame è elencato come uno dei primi due ingredienti sull’etichetta, non darlo al tuo dalmata

Inoltre, considera frutta, cereali e verdura come snack salutari per il tuo cane. Tuttavia, si desidera evitare le verdure ad alto contenuto di purine. Ciò includerebbe verdure come asparagi, cavolfiori, legumi, funghi, farina d’avena e spinaci. I dalmati adulti hanno bisogno di alimenti per animali domestici che contengano mais (primo), grano (secondo) e riso sarebbe l’ultima preferenza.

Il dalmata e la Gran Bretagna

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *